Mobile Casuale Feed RSS Archivio Contattaci
17
Maggio

i’mBullshit ovvero i’m Watch, capitolo finale

Introduzione:

Questa è l’ultima volta che parlo di i’mWatch, lo giuro. Ma per dovere di cronaca voglio riportare gli ultimissimi sviluppi del caso su queste pagine.

Un passato di menzogne:

Ripercorriamo il più brevemente possibile le tappe dell’avventura:

  • Giugno 2011: viene annunciato i’mWatch, un rivoluzionario smartwatch basato su android che si interfaccia al cellulare (Apple, Android, Blackberry etc) tramite bluetooth per gestire le chiamate, sms, visualizzare email, notifiche Facebook, twitter e via dicendo da polso. Minchia che figata!

  • Viene richiesto, per usufruire di un forte sconto, un anticipo (circa 100€ se non ricordo male) e la consegna viene promessa per settembre 2011. Notate come in questa fase della campagna non venga mostrato alcun prototipo reale, ma solo mockup renderizzati in 3D in cui il dispositivo appare sottilissimo e dotato di una interfaccia grafica decisamente accattivante.

  • Settembre 2011: arriva la stagione della vendemmia, ma niente orologio. I’mSpa si scusa e ci rimanda ad ottobre-novembre. Dai che se Dio vuole ho un bel regalo sotto l’albero di Natale!

  • Dicembre 2011: Babbo Natale passa lasciando solo una letterina. Gli ordini saranno evasi dopo il Ces 2012. Che inizia a febbraio.

  • Febbraio 2012: trapelano le immagini es i filmati reali dello smartwatch. Non è così sottile come nelle immagini promozionali. Le applicazioni per leggere news, tweets etc sono solo del testo banale come una pagina web creata con l’editor Frontpage una decina di anni fa. I coglioni girano e si strozzano.

  • Marzo/Aprile 2012: arrivano in breve sequenza tre email, una che mi chiede se voglio il modello da 64 o 128 mb (che domande cazzo!), una che promette la ricezione di una mail di conferma pagamento (antecedente due settimane alla spedizione) ed una con la richiesta del soldo vera e propria. Pago e mi danno come data di spedizione il 24 aprile. Forza, che forse a maggio, per il mio compleanno, ho un bel regalo.

  • Aprile/Maggio 2012. Ricevo molti regali, ma neanche una cippa lessa da mettere al polso. In compenso mi arriva, ovviamente ben dopo il 24 aprile, una mail che mi chiede la conferma dei miei dati di spedizione. Staranno mica prendendo tempo? Nel frattempo qualcuno lo ha ricevuto formobiles.info che fa anche qualche video recensione dalle quali si evince che l’orologio, di pregevole fattura, non fa un cazzo. Manca un aggiornamento che permetta di configurare i propri dati personali (account mail, Facebook etc) e che questo viene promesso per metà maggio).

  • Una settimana fa circa: mi stanco di aspettare. Chiamo (si, hanno un numero di telefono) e domando la situazione del mio ordine. Mi risponde una gentilissima signorina che promette che entro due settimane il mio ordine dovrebbe essere evaso. Forse lo indosserò in spiaggia.

  • Ieri: appare sulla pagina di Facebook di imwatch e notare solo su di essa questa comunicazione: http://us4.campaign-archive1.com/?u=0fae425ab3691d610c6d2b2c3&id=b7e5f5a911&e=d4862c5896.

Ma porca di quella troia!

Ma ci prendono per coglioni??? Uno prima consegna il prodotto, poi eventualmente tramite aggiornamento aggiunge funzionalità aggiuntive. I signori di imSpa hanno anche tra i loro prodotti un vino analcolico, Zerowine (seriously): si sono bevuti tutto l’alcool rimosso?? Solo adesso promettono un periodo di testing che durerà dal 15 giugno al 15 luglio e coinvolgerà 300 utenti. Poi entro il 15 settembre saranno consegnati tutti gli orologi. Nel frattempo il loto shop, notare, resta attivo per prendere ordini. A me vengono in mente diverse riflessioni:

  • Non è un modo serio di lavorare. Osservazione banale, prima si fanno i test coinvolgendo dei beta tester, poi si vende il prodotto. Se erano a conoscenza di problemi da risolvere potevano anche evitare di chiedermi il saldo finale del prodotto.

  • Le funzioni aggiuntive si aggiungono dopo aver reso stabile il prodotto.

  • Siamo a metà maggio, ci mettono un mese a consegnare 300 dispositivi a 300 tester?? Con che coraggio ci dicono che poi nei due mesi successivi riusciranno a spedire tutti gli ordini rimanenti??

  • Evidentemente il prodotto è affetto da gravi problemi. Forse non solo software, viene da pensare. Ed hanno solo un mese di test per trovarli e correggerli su tutti i modelli che hanno in magazzino. Non ci riusciranno mai in tempo.

  • È scorrettissimo continuare a tenere lo shop attivo, come se il prodotto fosse pronto per essere spedito. È altresì vergognoso fornire questa comunicazione solo in un messaggio trovato per caso nella loro bacheca su Facebook. Andrebbe scritto a lettere cubitali nel loro sito ufficiale e comunicato tempestivamente via mail a tutti coloro che gli hanno dato dei soldi.

  • Più di un anno per ricevere un prodotto! Qui non stiamo parlando di un mobile o di un gioiello, ma di un prodotto informatico! Lo sanno questi signori che un prodotto elettronico dopo 2 mesi diventa già obsoleto? Infatti nel frattempo sono stati annunciati - ed in alcuni casi già consegnati - altri prodotti simili al loro.

Conclusioni:

Ho perso le speranze di vedere il mio smartwatch. Ho riposto veramente male la mia fiducia in questi signori. Probabilmente chi continuerà a sperare riceverà il suo imwatch con un ritardo colossale (ben oltre settembre) ed avrà tra le mani un prodotto deludente, viste le premesse. Non mi fido oltre. Nè delle promesse, ne dello sconto del 15%, ne del loro cavolo di buono per un anno di sottoscrizione ad i’music (che si potrà usare solo all’arrivo dell’orologio e con modalità ancora tutte da definire). Delle varie opzioni scelgo il rimborso totale e spero bene immediato di tutti i soldi finora versati. Se avete un po’ di sale in zucca, fate altrettanto. Dopotutto, ormai, il loro non è più nemmeno il solo smartwatch sul mercato: Febble, Metawatch, Pulse giusto per scrivere tre nomi.

13
Maggio

Nova 3, a big piece of shit

Bellissima la grafica di Nova III, davvero stupenda. Compensa molto il fatto che che il gioco sia programmato con il deretano e che al momento sia stato costretto ben due volte a ricaricare l’intero livello perché al checkpoint il gioco si bloccava. Al livello due, ad esempio, un ascensore che dovrebbe portarmi in basso prosegue la sua corsa lasciandomi a mezz’aria. Oppure nel terzo livello dovrei uccidere dei nemici per continuare: dopo che loro mi hanno ammazzato, quando sono risorto… i nemici erano spariti. Ottimo, ma se non li ammazzo non vado avanti. Davanti a questi bug, ricaricare il checkpoint è utile come pisciare in un violino: bisogna ricaricare da capo ogni livello. Vi consiglio di acquistare Nova III perché è un gran bel gioco, ma di aspettare che questi bug noiosissimi vengano corretti. Se mai lo faranno, mi risulta che alcuni problemi simili di Backstab non siano mai stati risolti.

30
Apr
Morite male.

Morite male.

18
Apr
Eccoci ad un’ulteriore aggiornamento sulla mia travagliata esperienza con I’m Watch.
Come vedete dall’articolo subito sotto a questo, lo smartwatch sarebbe già dovuto essere quantomeno nelle mani del corriere due giorni fa. 

È invece di ieri (adesso sollevate lo sguardo all’immagine di questo articolo) la richiesta via email di I’m Watch di confermare i miei dati di spedizione.
In effetti è una cosa logica in tutti questi mesi di attesa avrei benissimo potuto aver cambiato casa. 

Ora basta tergiversare, mi aspetto l’orologio entro la fine della prossima settimana.
Come al solito, vi terrò aggiornati.

Eccoci ad un’ulteriore aggiornamento sulla mia travagliata esperienza con I’m Watch. Come vedete dall’articolo subito sotto a questo, lo smartwatch sarebbe già dovuto essere quantomeno nelle mani del corriere due giorni fa.

È invece di ieri (adesso sollevate lo sguardo all’immagine di questo articolo) la richiesta via email di I’m Watch di confermare i miei dati di spedizione. In effetti è una cosa logica in tutti questi mesi di attesa avrei benissimo potuto aver cambiato casa.

Ora basta tergiversare, mi aspetto l’orologio entro la fine della prossima settimana. Come al solito, vi terrò aggiornati.

23
Mar
Fuck Yeah! Finalmente una data. Vi terrò informati.

Fuck Yeah! Finalmente una data. Vi terrò informati.

12
Mar

L’iPhone che verrà

Introduzione:

E’ appena stato presentato il Nuovo iPad che ha già fatto orgasmare milioni di fanboy & girl in tutto il globo terracqueo. Facciamo un po’ gli indovini e, partendo dalle novità introdotte nel nuovo tablet, vediamo quali potrebbero essere quelle del prossimo iPhone.

Guardo lo schermo di vetro del mio iPad e vedo, vedo…

  1. Un nuovo nome. Possiamo evitare di friggerci le meningi nel capire se il nuovo iPhone si chiamerà 5, HD o altro. Molto probabilmente si chiamerà iPhone, punto e basta. Come avviene da tempo per l’iPod Touch dopotutto.
  2. Processore quadcore. L’iPad è equipaggiato con un processore nuovo di zecca, che farà la gioia in primis degli sviluppatori di giochi. Perchè castrarli non dotando anche il melafonino di una tecnologia uguale?
  3. Batteria più performante. Il vero miracolo dell’iPad non è tanto il display retina, ma essere riusciti a potenziare la batteria del 70% a discapito di un auomento di spessore e peso irrisori. Aspettiamoci uno sforzo simile anche nell’iPhone.
  4. Il tasto home resta dov’è. L’occasione giusta per toglierlo è passata. Ce lo teniamo anche nel prossimo upgrade.
  5. Internet a tutta birra. La tecnologia 4G, che da noi ancora zoppica, non potrà mancare.
29
Feb
Alcune novità dell’iPad 3 già svelate nell’invito al keynote?

Alcune novità dell’iPad 3 già svelate nell’invito al keynote?

29
Feb
In arrivo la pubblicità nell’app ufficiale di Twitter per iPhone: tweet sponsorizzati direttamente nella timeline.

Comprare Tweetbot.

27
Feb

Perchè il mio cellulare nel 2014 potrebbe essere un Android

Introduzione eccessivamente lunga come al solito:

Sono ancora soddisfatto dal mio iPhone 4. Le applicazioni che uso più spesso (Twitter, Mail, Reeder etc) funzionano una meraviglia ed anche quando sporadicamente mi rilasso con un videogioco l’esperienza è più che soddisfacente. Ho resistito con ridicola facilità alla tentazion di comprarmi il 4s: nessun aggiornamento di design degno di nota e vantaggi solo per chi usa frequentemente applicazioni pesanti come certi giochi. Quando a settembre-ottobre uscirà l’iPhone 5(ocomecazzodeciderannodichiamarlo) all’80% non sarò il primo della fila nell’AppleStore: attenderò lo scadere del mio contratto con la Tre in primavera. Questo è il mio futuro prossimo, tra punti fermi e qualche incertezza.

Il Diavolo mi tenta:

Di una cosa però sono sicurissimo al 100%: nel 2014 la Mela che porto nella tasca vicino alla palla sinistra potrebbe subire uno sfratto in favore di un robottino verde. Eresia?! Avrei detto la stessa cosa prima di apprendere che Ubuntu, la nota distro Linux, nel 2014 sarà ottimizzata per i dispositivi android di fasci alta: http://www.ubuntu.com/devices/android. In soldoni, la notizia è che tramite una dock si può collegare il proprio cellulare al televisore/display che magicamente si illuminerà dei colori cacca di Ubuntu ma con una integrazione dei contenuti mica male: i nostri contatti, le nostre foto in Thunderbird, i nostri video e film in VLC… mica bruscolini! Finalmente un modo sensato per giustificare la corsa al processore più veloce per cellulare.

Come potrebbe rispondere Iddio:

Cosa potrebbe fare la Apple per garantirsi la mia fedeltà anche tra due anni? Un passo più deciso nella direzione che sta già prendendo in effetti: una maggiore e migliore integrazione tra dispositivi iOs e AppleTV. l’AirMirror dell’iPad 2 è già qualcosa, ma una vera ottimizzazione delle applicazioni sul grande schermo sarebbe molto meglio. E poi vuoi mettere non avere in giro cavetti del cazzo?

Quindi:

Attendo la contro offerta. Hai due anni di tempo, Mela.

16
Feb

Preview di Mountain Lion. Integrazione tra iOs e OsX sempre più serrata.

Su di me
Un tempo eravamo un blog serio.
Twitter
Cerca